La scelta del set fotografico, una questione di stile

Non una semplice cornice, l’ambientazione delle foto del nostro matrimonio è una scelta da fare con cura

Prati verdi, sabbia dorata, le pietre di un centro storico, la piazza di una grande città, un campo di grano o un bosco sono tutti set fotografici di un possibile wedding book. In genere a sceglierli è il fotografo di matrimoni, altre volte spetta agli sposi, in ogni caso non si tratta di una scelta da fare con superficialità: lo sfondo delle fotografie del nostro matrimonio determina lo stile, il mood, il carattere dell’evento e del servizio fotografico. Il tema può essere certo la linea guida da seguire nella scelta del set fotografico. In genere dopo il rito, sia esso civile o religioso, quando gli invitati sono già sulla strada per il ricevimento, gli sposi si fermano nella location scelta per le foto del loro matrimonio e scattano alcune immagini che faranno da corollario a quelle dei preparativi, oggi sempre più di moda, e a quelle dell’evento stesso. Spesso la scelta è dettata dalla vicinanza geografica: il luogo
di passaggio, il posticino vicino al ristorante, quello scorcio accanto alla Chiesa o al municipio. La praticità può non pagare, ecco perché il tema può senza dubbio aiutarci a pianificare meglio questa fase del nostro matrimonio che può sembrare di relativa importanza ma, come abbiamo già detto, è invece ciò che resta del giorno più importante della nostra vita. Vediamo come alcuni stili relativi agli eventi wedding più di tendenza vi possano aiutare a scegliere la location giusta per il vostro “shooting fotografico” il consiglio del nostro fotografo di matrimoni Andrea Di Cienzo.

Matrimonio country e greenery. Se il vostro evento è impostato sullo stile di assoluta tendenza per questo 2017, non potete non scegliere come ambientazione per il vostro servizio fotografico boschi, laghetti, piccoli ruscelli e cascate e farvi immortalare immersi nel verde “greenery” tra alberi di limoni e pergolati di viti acerbe. L’effetto country è assicurato!

Matrimonio shabby chic. Lo stile shabby è uno stile fintamente dimesso, dove materiale recuperato e povero si uniscono all’eleganza e alla sobrietà degli addobbi. Il bianco è il colore dominante. Ottima la scelta di fotografarsi su un parto verde, presso una vecchia masseria o fattoria, seduti su balle di fieno o a cullarsi e coccolarsi sul dondolo di una casa in stile coloniale.

Matrimonio sofisticato e imperiale. Un matrimonio improntato sulla regalità, con toni argento o oro, tavoli imperiali e addobbi lussureggianti, non può prescindere dalla scelta di location esclusive come castelli, roccaforti antiche o centri città con grandi piazze e monumenti futuristici dalle linee essenziali e innovative, dove il bianco e i colori metallici siano dominanti. Per una coppia regale proiettata nel futuro.

Matrimonio informale o boho chic. Il matrimonio tendenza 2016 detto “boho chic” è un po’ bohemien, un po’ hippy, il motivo floreale, l’atmosfera impalpabile e soprattutto l’informalità sono i must di questo stile: un’area pic nic con altalene e tavoli di legno, prati fioriti o una spiaggia su cui correre scalzi e fare il bagno vestiti da sposa sono le ambientazioni ideali del servizio fotografico per il matrimonio boho chic.

Matrimonio romantico e tradizionale. L’intramontabile matrimonio all’italiana, sacro, romantico, tradizionale, sia esso semplice o pomposo si sposa bene (scusate il gioco di parole) con ambientazioni altrettanto classiche come ville nobiliari, antichi palazzi ducali ma soprattutto con i centri storici dei nostri borghi. Così tra scalinate e vicoli, piccoli bar e panchine, gli sposi potranno immergersi in un’atmosfera romanticamente retrò rendendo le foto, anche grazie alla partecipazione degli abitanti, dinamiche ma anche senza tempo.

Il ruolo del fotografo di matrimoni è fondamentale: dovrà essere esperto del territorio e in grado di guidarvi nella selezione delle location migliori affinché esse possano esaltare voi stessi e la personalità che avete deciso di dare all’evento.